Granella di pistacchio SICILIA TENTAZIONI busta 100gr

Granella di pistacchio SICILIA TENTAZIONI busta 100gr
Marca SICILIA TENTAZIONI
Modello busta 100gr
Codice 8033726783843
Disponibilità immediata

Granella di pistacchio

Granella di pistacchio.
Dall’accurata selezione dei migliori pistacchi e dalla sua tradizionale lavorazione nasce la granella di pistacchio di Siciliatentazioni. Un ottimo ingrediente che si presta molto bene alle vostre squisite creazioni culinarie.

Il Pistacchio di Bronte DOP: l’Oro Verde dalle pendici dell’Etna

La battaglia contro le temperature torride e un terreno ostile ha portato, con il lavoro di secoli, a un prodotto unico.

Il territorio di provenienza

Le pendici del l’Etna sono una piccola oasi, una macchia verde raccolta intorno ad un massiccio imbellettato da una punta incredibilmente coperta di neve, lontana e severa. Il terreno vulcanico accoglie una vegetazione energica, inusuale per un luogo così caldo.

[Photo Credits: www.italia.it]
 

Tra il colore scuro della terra vulcanica e il verde della vegetazione, spuntano i tetti rossi delle case: è Bronte, pacificamente incastonata alle pendici dell’Etna. Una pace che nasconde l’incessante lotta contro il territorio, il caldo e che l’agricoltura e le tradizioni raccontano tuttora. Qui, nel pieno della provincia di Catania, la ricchezza è l’Oro Verde: il pistacchio di Bronte DOP.

[Photo Credits: www.alberodeigelati.it]

 

[Photo Credits: www.alberodeigelati.it]

Il Pistacchio di Bronte: la coltivazione

Il pistacchio è un seme oleoso prodotto da un albero di piccolo dimensioni, la Pistacia vera, originaria dell’Asia Occidentale. Oggi la sua diffusione si concentra nel Mediterraneo e nel Medio Oriente.

La “Pistacia vera” è una pianta simile ad un fico, decisamente longeva e, potremmo dire, anche paziente: può vivere infatti tra i 200 e i 300 anni e solo dopo dieci anni inizia a produrre i primi frutti. I pistacchi, appunto: piccole drupe allungate della grandezza di un’oliva e di colore che varia dal verde-rosso al bianco-rosa. Nell terreno lavico particolarmente duro e roccioso di Bronte, però, questa pianta ha bisogno di un aiuto che le è offerto dal Pistacia Terebinthus, una specie arborea che cresce spontanea in questi terreni difficili. Proprio grazie al Terebinthus, sul quale la Pistacia vera viene innestata, il pistacchio può essere prodotto in questa terra ostile, grazie ad esso gli agricoltori, nei secoli, hanno potuto trovare l’oro verde. Oltre ad essere resistente alla siccità, qualità decisamente utile in queste zone, le sue radici forti, infatti, sono capaci di infiltrarsi nella roccia lavica, rompendola.

Pistacchio-di-bronte-3

 

 

Il territorio roccioso e lavico ha un sottilissimo strato arabile. Qui è impossibile ogni intervento meccanico; ogni due anni, dunque, precisamente negli anni dispari, tra la fine di agosto e l’inizio di settembre, il pistacchio viene raccolto rigorosamente a mano, scuotendo i rami e facendo cadere i frutti direttamente in un contenitore che gli addetti portano sulle spalle.

La tutela del Pistacchio di Bronte

Dal 2004 un gruppo di produttori ed imprenditori agricoli ha creato il Consorzio di Tutela del Pistacchio di Bronte, con lo scopo di tutelare la tradizione e la qualità del prodotto. Un percorso che ha portato al 9 giugno 2009, quando l’Unione Europea ha riconosciuto al Pistacchio di Bronte, la Denominazione di Origine Protetta (DOP).

La pianta del Pistacchio: la storia

La pianta di pistacchio, il cui nome deriva dal greco Pistàkion, ha una storia millenaria. Da secoli, se non da migliaia di anni, viene coltivata nel bacino del Mediterraneo e sue testimonianze sono perfino nell’Antico Testamento. Per quanto riguarda la Sicilia furono gli Arabi che, dopo aver sottratto l’isola ai bizantini, incrementarono la produzione di pistacchi. Nel territorio di Bronte l’incontro delle piante con il terreno lavico creò qualcosa di straordinario che ancora adesso possiamo gustare. Oltre 4000 ettari sono oggi coltivati a pistacchio in questo territorio: una superficie enorme che testimonia il lungo e testardo lavoro dei contadini che hanno saputo, nei secoli, strappare la terra all’aridità per creare luoghi paradisiaci e prodotti stupefacenti.

 

Pistacchio-di-Bronte-2

 

 

Valori nutrizionali e calorie del Pistacchio di Bronte

Ogni 100 g si contano 557 kcal.

  • Grassi: 54 % (di cui la maggior parte sono acidi grassi insaturi essenziali indispensabili per l’organismo perché mantengono integre le cellule e mantengono intatte le loro funzionalità: omega 6 e omega 9 e acido oleico).
  • Proteine vegetali e amminoacidi che favoriscono l’assorbimento del ferro in digestione: 20%. Contiene inoltre il triptofano trasformato nell’organismo in serotonina che migliora il tono dell’umore e combatte l’insonnia.
  • Sali minerali tra cui ferro, potassio, magnesio e calcio.
  • Vitamine del gruppo BE (antiossidante).
  • Polifenoli che contrastano l’azione dei radicali liberi e riducono l’assorbimento degli zuccheri grazie ai fitati.

Le proprietà nutritive del pistacchio

Il pistacchio è fondamentale per la prevenzione dell’organismo dallo sviluppo di tumori e ci protegge dallo sviluppo di malattie virali e cardiache grazie all’azione dei grassi monoinsaturi che favoriscono la riduzione del colesterolo cattivo (LDL). Il pistacchio aiuta, invece, ad innalzare il valore del colesterolo positivoHDL.

Pistacchio-di-bronte-1

 

 

Ricette con il pistacchio

Anche se l’utilizzo più comune del pistacchio è nei dolci (come nel gelato), sono ormai in voga molte preparazioni anche salate con il pistacchio come il pesto di pistacchio per condire la pasta, le salse di pistacchio o ancora delle gustose polpette di pistacchiodolci o salate.

 

Fusilli in salsa di pistacchi

 

Ingredienti per 4 persone: 500 g di fusilli, 100 g di pesto di pistacchi, 250 ml di panna liquida, di burro, maggiorana, farina di pistacchio, parmigiano grattuggiato, pepe e sale.

Preperazione: Ponete il pesto in una terrina insieme alla panna liquida, aggiungete pepe, un pizzico di sale ed amalgamate bene. Contemporaneamente fate cuocere i fusilli in abbondante acqua salata e a fine cottura condite con burro fuso e parmigiano.

Versate la pasta condita nella terrina in cui si è preparata la salsa, amalgamate e servite dopo aver dato una spolverata di pistacchio.

 

Pennette al pistacchio e vongole


Ingredienti per 4 persone: 500 g di pennette, 1 kg di cozze o vongole, 100 g di pesto di pistacchio, 1 spicchio d'aglio, pepe, sale, e olio q.b., pecorino o parmigiano grattuggiato.

Preperazione: Pulite le cozze (o vongole), ponetele in una pentola con acqua e sale e fate cuocere. Quando queste si schiudono, separate la polpa dal guscio e fate soffriggere in una padella con un pò d'olio ed aglio. A fiamma spenta aggiungete il pesto, mescolate e lasciate riposare qualche minuto. In abbondante acqua salata fate bollire la pasta. A cottura ultimata scolate la pasta e condite con la salsa precedentemente ottenuta. Aggiungete un po' di pepe e pecorino o parmigiano a piacere.

 

Risotto al pistacchio


Ingredienti per 4 persone: 300 g di riso, 100 g di pistacchi, un bicchierino di cognac, 50 g di emmenthal grattuggiato, 50 g di formaggio grana, mezza cipolla, 1/4 di crema di latte, 80 g di burro e brodo.

Preperazione: Bollite i pistacchi per 10 minuti, sbucciateli e passatene 1/3 al setaccio, oppure pestateli, ed il resto lasciateli interi. In una casseruola tostate il riso con la cipolla, mezza porzione di burro e con il pistacchio intero. Aggiungete il cognac, la crema di pistacchio, il brodo e salate quanto basta. A cottura ultimata, aggiungete il formaggio, il resto del burro e fate matecare il tutto.